Arca dei Semi – Un progetto di Civiltà Contadina

L’Arca dei semi di Civiltà Contadina
San Leo, RN

La prima banca semi di comunità Italiana

Le Banche Semi di Comunità (BSC) sono luoghi dove le varietà di semi sono conservate e gestite in forma associativa e comunitaria dai contadini e ortisti. Queste strutture di conservazione ex-situ forniscono agli agricoltori facile e libero accesso a semi tradizionali a condizione che l’agricoltore restituisca il doppio della quantità ricevuta in prestito. Non solo può ridurre la dipendenza degli agricoltori dai fornitori di sementi commerciali, ma contribuisce a conservare l’agrodiversità nelle loro località dove esse sorgono. L’Arca dei Semi costituisce la pietra angolare di Civiltà Contadina nell’impegno di conservare l’agrodiversità attraverso le energie di una comunità.  Le nostre centinaia di membri hanno a cuore l’agrodiversità, sono custodi di antiche cultivars e varietà famigliari. Sono tutti membri iscritti di Civiltà Contadina e sono coinvolti nel funzionamento della Banca semi di Comunità. Attraverso corsi e seminari organizzati a Ca’ del Santo e presso altre sedi possono acquisire conoscenze sulla selezione dei semi, i sistemi di conservazione delle sementi, come catalogarle e altri aspetti della loro gestione.

La BSC è situata in una storica casa agricola di San Leo, Italia Centrale. In essa trovano posto gli strumenti necessari per la conservazione, una tarara da laboratorio per la pulizia delle sementi, alcuni campi test e altra attrezzatura atta a confezionare. In essa sono presenti circa 700 varietà italiane ed europee che rappresentano lo sforzo comunitario di oltre 2500 soci in circa 15 anni di attività.


L’Arca dei semi fa parte degli scopi statutari di Civiltà Contadina (Statuto art. 2) e venne appositamente finanziata con 10.000 € da una donazione della Lush Italiana. Questo è stato l’unico aiuto finanziario diretto alla nostra BSC. Abbiamo ricevuto inoltre anche un aiuto per acquistare una moderna mini mietitrebbiatrice che ci consente di gestire le collezioni di cereali. Non siamo alla ricerca di ulteriori finanziatori ma speriamo sempre che qualche liberalità voglia aiutare economicamente il progetto.

Io, Alberto Olivucci, sono stato incaricato curatore dell’Arca, sono stato il fondatore del movimento dei seed savers italiani e presidente per 15 anni dell’associazione. Organizzo corsi e seminari per preparare la gente a salvare i semi e a valorizzare l’agrodiversità. Grazie a questi meeting molti hanno appreso a conoscere le risorse genetiche locali e sono stati persuasi a adottare sistemi agricoli biologici. Sono anche preziosi momenti per gli agricoltori che vogliono trasferire esperienze e conoscenze. In tutti questi anni ho potuto dimostrare che la nostra banca semi di comunità non è una banca genetica, piuttosto un sostegno per iniziative volte a generare nuovi schemi alternativi produttivi. Civiltà Contadina è sempre stata una pioniera nella difesa dei valori della biodiversità e ha con entusiasmo diffuso un messaggio di sostenibilità, influenzando il mondo contadino italiano con le sue iniziative. Le banche semi sono iniziative sostenute e curate dalla FAO. In questa pagina una descrizione delle BSC secondo i principi FAO.

Chi può richiedere e come i campioni di semi.

Il protocollo di richiesta è in formazione a causa dell’applicazione del protocollo di Nagoja. Per ora basta inviare una mail a alberto@olivucci.it allegando la tessera elettronica di Civiltà Contadina. In risposta si otterrà l’elenco aggiornato delle varietà e le modalità di ottenimento. A breve una pagina apposita contenuta nell’area soci del sito www.civiltacontadina.it spiegherà nel dettaglio.

English version

Arca dei Semi (Seed’s Ark) of Civiltà Contadina
First Italian community seed bank

Community Seed Banks (CSBs) are places of storage where seed varieties are conserved and managed by community members. These ex-situ conservation sites provide farmers with free and easy access to traditional seeds under the condition that a farmer returns twice the amount of seeds he or she borrowed. They not only reduce farmers’ dependence on seed companies but also help conserve the agro-biodiversity of their localities. Our seed banks Seed’s ark form the cornerstone of Civilta Contadina efforts for biodiversity conservation through community empowerment.

Our hundreds members are Italian farmers and gardeners with the aim of agrodiversity, they are custodians of old fashioned cultivars and heirlooms. All the members of Civiltà Contadina are involved in CSBs and they are trained on seed selection, storage, record keeping and other aspects of seed bank management.

The Seed’s Ark is located in a historical country house in San Leo, Central Italy. It has storage facility, a seed grader to select seeds, some field for testing the varieties and some simple tools to seal the packets. It contains near 700 different varieties of Italians and European seeds and represents the community effort of over 2.500 members in 15 years.

The Seed’s Ark was funded with 10.000 € by the Lush Fresh Handmade Cosmetics. This was the only one financial direct aid to our CSB. We received also a financial aid to buy a modern mini combine harvester to manage our cereals sollection. We are looking for some new founds to have more instruments.

Alberto Olivucci is the curator of the Ark and founder of seed savers mouvement in Italy. He organises seminars to prepare people to save the seeds and valorize the agrodiversity. Through these meetings, many more farmers are persuaded to adopt organic farming practices. The information sharing that often takes place at seed bank meetings raises awareness of sustainable agriculture within a community. Over time, CSBs have proved to be more than just seed repositories. They have provided a platform for community members to set up alternate income generating schemes.

Civiltà Contadina pioneering efforts at agrodiversity has galvanized whole communities to spread its message of sustainability. The effectiveness of this seed bank has influenced the Italian farmers.

Definition of Community Seed Bank (FAO)
Community seed banks store and manage seeds that aim to provide community members with seeds to use. Seeds are obtained from the farmers in the community and are selected and stored depending on the agreed storage system. Community seed banks can take different forms, for example, seeds can be stored in pots in a shed or community buildings, or in clay pots on the floor, in a family granary or on the kitchen shelf. Once the seeds are collected from the farmers, they are stored in a community seed bank until they are needed. One of the purposes of a community seed bank is to serve as an emergency seed supply when farmers experience a shortage of seeds, due to failure or destruction of crops as a result of floods, droughts, pests and diseases. Community seed banks are also important in promoting and sustaining the cultivation of a variety of crops. By making seeds of both local and improved varieties available, community seed banks can therefore contribute to the maintenance of more genetic diversity in farmers’ fields. By ensuring farmer seed security and improving availability and accessibility of seeds
through offering seeds at lower costs than acquiring them through seed vendors, community seed banks can be essential instruments for conserving local varieties, restoring ‘lost’ varieties and sharing knowledge and expertise among farmers (Lewis and Mulvany, 1997; Shrestha et al. 2012).
Just as some people put their savings in a regular bank, and whenever they need extra money they can take out their savings, seed banks acts as farmers’ savings for future planting. They therefore serve as a buffer against environmental and economic losses. Community seed banks are crucial for ensuring seed and thus food security: without seeds, farmers are not able to grow crops. Especially for resource-poor farmers, in particular women, the local seed system offers the main supply of seed (Pionetti, 2006).
Through a community seed bank, farmers play a key role in the development, maintenance and promotion of agro-biodiversity, in particular women given their traditional roles in selecting and saving seeds as well as in raising awareness on the diversity of traditional varieties among all members of a community.
With the introduction of the improved, high yielding varieties (HYVs) of seeds in the 1950s, the genetic diversity of dominant crops has rapidly decreased because the varieties that are currently cultivated have a high degree of genetic uniformity within each variety. It is estimated that since the 1900s, approximately 75 percent of plant genetic diversity has been lost, mainly due to the replacement of local varieties by HYVs.
At the global level, a measure has been taken in 2008 through the establishment of the ‘Svalbard Global Seed Vault’. This seed bank is located in the permafrost on a remote island off the coast of Norway and has become the most diverse seed repository in the world. The seeds are kept in three underground chambers and are duplicate samples of seeds held in gene banks around the world and therefore represent an insurance against the loss of seeds. This type of conservation is called ‘ex situ’, which literally means ‘offsite conservation’. This is the opposite of ‘in situ’ conservation strategies where conservation is conducted in their natural environment. Ex situ conservation is a
useful additional measure, but it is not, on its own, an ideal approach. This is because the highly advanced facility only holds a relatively small proportion of diversity, even for major crops. And most importantly, ex situ conservation does not allow the crops to continue to evolve in farming systems, which is essential in order to sustain agro-biodiversity in the longer-term. In order to ensure efficient and long-term conservation of genetic diversity, it is widely agreed that an integrated application of ex situ and in situ conservation strategies should be promoted. (Community seed banks, Junior Farmer Field and Life School – Facilitator’s guide, FAO 2014)

Definizione di Banca semi di Comunità (FAO)
La banca semi di comunità conserva e gestisce sementi con lo scopo di fornire ai membri sementi da utilizzare. Le sementi sono ottenute dagli agricoltori nella comunità e sono selezionate e immagazzinate a seconda del sistema che è stato adottato. Le banche semi di comunità possono prendere differenti forme, per esempio i semi possono essere stoccati in barattoli di vetro in un magazzino o in un edificio pubblico, o in contenitori di terracotta, sul pavimento o nel granaio o nella cucina stessa. Una volta che i semi sono stati raccolti dagli agricoltori saranno immagazzinati presso una banca semi di comunità fino a che serviranno. Uno dei motivi di una banca semi di comunità è di fornire sementi in momenti di emergenza, quando agricoltori o ortisti hanno perso i raccolti a causa di inondazione, siccità, fitopatologie e calamità varie. La banca semi di comunità è anche importante nel promuovere e sostenere la coltivazione di una ampia varietà di colture. Rendendo disponibili sia varietà locali sia varietà migliorate, le banche semi di comunità possono tuttavia contribuire al mantenimento di una più ampia diversità genetica nei campi agricoli. Assicurano agli agricoltori la sicurezza sementiera e migliorando l’accessibilità di sementi attraverso costi più bassi rispetto al mercato, possono essere strumenti per conservare varietà locali, ripristinare varietà “perdute” e condividere conoscenze e sperimentazioni fra agricoltori (Lewis and Mulvany, 1997; Shrestha et al. 2012).
Similmente come la gente conserva i propri risparmi in una normale banca, che in caso di necessità potrebbe attingere ai risparmi, la BSC agisce come se raccogliesse un risparmio da investire sulle future semine e protegge da perdite economiche e ambientali. Le BSC hanno un effetto cruciale per la sicurezza delle sementi e della produzione di cibo: senza sementi gli agricoltori non sono in grado di crescere colture. Specialmente per quegli agricoltori poveri in risorse, soprattutto se donne, un sistema di sementi locali offre la maggior fornitura di sementi. (Pionetti, 2006).

Condividi se ti è piaciuto